La Fiera degli uccelli di Arzignano (VI)

Follow on Google+

La città di Arzignano (VI) il 25 aprile celebra in modo incomprensibile la festa della Liberazione: da ormai 34 anni si svolge la Fiera degli Uccelli [ingabbiati], creature nate per avere a disposizione il cielo intero rinchiuse in minuscole gabbiette e mostrate al pubblico senza nessun pudore.

Questa è solo una delle tante manifestazioni svolte in Italia nei luoghi dove è forte la pratica della caccia da appostamento. Con questo tipo di caccia gli uccelli sono usati per attirare i consimili in migrazione; vengono incitati a cantare con pratiche innaturali e, soprattutto, vengono rinchiusi a vita in gabbiette dove non potranno nemmeno aprire completamente le ali.

La pratica dell’uccellagione (la cattura degli uccelli ad uso di richiamo) e la successiva detenzione in piccolissime gabbie è contraria alle normative europee sulla tutela e conservazione dell’avifauna; ciò nonostante alcune regioni italiane permettevano questa barbara usanza fino al 23 Luglio 2015, data in cui il Senato ha approvato la “Legge europea 2014”, volta ad evitare varie procedure di infrazione comunitaria tra cui l’uso di reti nei “roccoli” ed altri impianti autorizzati o gestiti da regioni e province per approvvigionare i cacciatori da appostamento di richiami vivi. Purtroppo nulla è stato al momento previsto per quanto riguarda la questione dell’uso degli uccelli da richiamo nelle mostre ornitologico venatorie e nelle gare canore delle stesse.

Ma c’è un aspetto ancor più grave: durante queste fiere tutto è trasformato in divertimento, in una gran festa per le famiglie.
Sono esposti animali da “compagnia”, animali “da cortile”, piante e ortaggi, abbigliamento e attrezzature per bricolage.
Passa l’idea che il nostro rapporto con gli animali si possa realizzare attraverso la loro prigionia e detenzione; i bambini imparano a conoscere gli uccelli …attraverso le sbarre, a considerarli merce da acquistare e portare a casa, senza altri pensieri.
Dall’edizione 2012 gli attivisti locali hanno iniziato a dimostrare il proprio dissenso, con striscioni, affissioni a tema e presidi di protesta all’ingresso della fiera.

Il 25 aprile 2015 ha avuto luogo una manifestazione di protesta all’ingresso (Parco dello Sport, ingresso lato piscine) della Fiera degli uccelli di Arzignano: un presidio pacifico per dire NO all’ennesima sagra della gabbietta, per un 25 aprile davvero degno di tale nome anche per gli animali.
LA LIBERTÀ È UGUALE PER TUTTI. 

 

 

 

 

 

 

 

locandina2015

 

 

Per la fotogallery sulla Fiera degli Uccelli di Arzignano clicca QUI 

I commenti sono chiusi.